top bottom

16.11
domenica
ore 17.00

fr. 25.- / fr. 20.- *

prenota online

gaezig

musica alpina da camera

il vero cuore mistico dei suoni delle alpi ”gaezig” non è un marchio registrato. è una parola proveniente dal canton berna con il significato di piccante, focoso. “gaezig” è condito da improvvisazioni, melodie arcaiche, composizioni originali di hans kennel e dalle modalità espressive “jodelin” e “juetzlin” di christine lauterburg .tre generazioni di musicisti che eseguono insieme melodie e vocalità, con strumenti tradizionali ed elettronici che sapranno sorprendere e appassionare il pubblico del san materno.

leggi tutto

hans kennel, vocals, iodel, tromba, alphorn, buchel, bukkehorn

christine lauterburg, vocals, jodel, fisarmonica, violino, viola

regina steiner, vocals, jodel, tromba, alphorn, buchel, zink, bukkehorn

leo bachmann, tuba

* studenti, apprendisti, avs, ai, membri e-venti culturali e club rete due

chiudi

29.11
sabato
ore 20.30

30.11
domenica
ore 17.00

fr. 25.- / fr. 20.- *

foglio di sala
prenota online

linea

compagnia giovani tiziana arnaboldi

gli undici danzatori interagiscono con bastoni e ceppi di bosco di peso e lunghezze diverse.
corpi che danzano per seguire infinite linee, bastoni che liberano energia, tracciano traiettorie, tagliano l’aria, disegnano spazi e linee, quindi volumi, forme e superfici alla ricerca di punti sicuri, di punti infiniti, che ci guidano o ci fanno smarrire.

leggi tutto

prima assoluta

coproduzione: progetto interreg festival delle due rocche arona, teatro san materno ascona accademia di architettura mendrisio (atelier riccardo blumer)

coreografia e regia tiziana arnaboldi

con gli interpreti faustino blanchut, francesco colaleo, carlotta dionisio, maxime freixas, francesca linnea ugolini, debora turuani, eulalia prisco, luca rampazzi, claudia rossi valle, camilla stanga, tiziana vonlanthen

assistente pierre-yves diacon

musica a cura di mauro casappa

disegno luce felix leimgruber

replica: accademia di architettura di mendrisio, domenica 12 ottobre 2014, ore 17.30

* studenti, apprendisti, avs, ai, membri e-venti culturali e club rete due

chiudi

05.12
venerdì
ore 20.30

fr. 25.- / fr. 20.- *

prenota online

migratio. passage d’un lieu à l’autre

laura tanner

l'immigrazione deriva dal latino migratio che significa passaggio da un luogo all'altro, lasciare la terra natale per istallarsi in un altro paese.
questa nuova coreografia sviluppa una riflessione sul viaggio e i diversi significati che questo termine evoca, significati che liberano tutti gli immaginari e nutrono il nostro sogno di esploratori, di scopritori, di viaggiatori intrepidi; e i nostri bisogni di libertà e d'uguaglianza troppo spesso irrealizzati. attraverso i gesti e il movimento, grazie all'astrazione della scrittura coreografica, laura tanner ci invita ad avvicinarci al senso intrinseco di alcune parole chiave che stanno alla base della sua poetica.

leggi tutto

coreografia e scenografia laura tanner

interpretazione ismael oiartzabal, deborah hofstetter

* studenti, apprendisti, avs, ai, membri e-venti culturali e club rete due

chiudi

14.12
domenica
ore 17.00

fr. 20.- / fr. 15.- *

prenota online

alibi

matinée de danse

in “alibi”, lorena dozio incorpora una partizione tracciata al suolo e genera attraverso il suo movimento, la musica composta e suonata in live da daniel zea. un corpo-sensore cerca e rivela nello spazio delle frequenze, dei cammini: avanza e penetra nello spazio come in un combattimento. il passaggio dalla dimensione orizzontale e alla dimensione verticale decompone l’immagine articolare del corpo. appoggiandosi su dei volumi d’aria, il corpo oscilla tra la sospensione e la caduta.

leggi tutto

concezione, coreografia, interpretazione lorena dozio

design dispositivo, composizione musicale, intrepretazione daniel zea


produzione association bagacera / crile

* studenti, apprendisti, avs, ai, membri e-venti culturali e club rete due

chiudi

29.01
giovedì
ore 20.30

30.01
venerdì
ore 20.30

31.01
sabato
ore 20.30

fr. 25.- / fr. 20.- *

prenota online

la cognizione del dolore

carlo emilio gadda

l’immagine di una lombardia operosa e vitale in parte vera e in parte illusoria costituisce il bersaglio ironico e pungente dell’opera di gadda. gonzalo, il protagonista, intrappolato in un rapporto di amore-odio con la madre, vive in un’enorme villa, proiezione di un vano prestigio sociale, in una sorta di “brianza sudamericana”.
nello spettacolo pochi elementi realistici, usati in modo simbolico, a riprodurre un luogo della mente. gli attori che interpretano il testo diventeranno cosi, oltre ai loro personaggi che rivivranno in prima persona, anche lo spirito di gadda stesso che ci racconta la storia e che aleggia su tutta la vicenda.

leggi tutto

regia lorenzo loris

con mario sala, claudio marconi, monica bonomi, nicola ciammarughi, cristina caridi

scena daniela gardinazzi

costumi nicoletta ceccolini

coproduzione teatro out off milano

teatro san materno ascona

* studenti, apprendisti, avs, ai, membri e-venti culturali e club rete due

chiudi